capodanno bizantino amalfi atrani
Ago31
Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 31/08/2019 - 01/09/2019
Tutto il giorno

Categorie


Un tuffo nella storia con il Capodanno Bizantino ad Amalfi e Atrani!

capodanno bizantino amalfi atraniIl Capodanno Bizantino permette di rivivere il fascino medievale in Costiera Amalfitana: si tratta di un evento storico-culturale ideato dal medievalista amalfitano Giuseppe Gargano agli inizi degli anni ’80 del secolo appena trascorso.

L’evento Capodanno Bizantino  ad Amalfi e Atrani conta 13 edizioni, di cui dieci ininterrotte dal 1999 al 2009 per essere poi ripreso per volontà della nuova Amministrazione Comunale che ne ha realizzato ulteriori tre edizioni (2011 – 2013).

Il progetto originario prevedeva la rievocazione dell’inizio dell’anno fiscale e giuridico nei territori dell’impero d’Oriente, quelli direttamente dipendenti dal basileus e le così dette “autonomie periferiche”, tra le quali vi era anche Amalfi.

Questo Capodanno bizantino corrispondeva al I settembre: in quel giorno entravano in carica i comites, cioè i capi della repubblica marinara di Amalfi nella sua fase aristocratica. Considerando la nomina annuale dei comites collaboratori dei prefetturi, questa prassi giuridico-amministrativa durò dall’839, anno di nascita della repubblica autonoma, alla prima parte del X secolo.

Il teatro principale della rievocazione è la chiesa del S. Salvatore de Birecto di Atrani, cappella palatina dove venivano incoronati i duchi di Amalfi e luogo di pubbliche assemblee, almeno dall’età angioina e per tutto il XVIII secolo, dei sindaci delle Università dello Status Amalfie per decisioni di interesse comune.

Il corteo storico di Amalfi, realizzato nel 1955 per la Regata Storica delle Repubbliche Marinare d’Italia dallo scenografo del S. Carlo di Napoli, Roberto Scielzo, rievoca l’apogeo della repubblica di Amalfi negli anni intorno al Mille, quando le navi amalfitane solcavano sia il Mediterraneo orientale che quello occidentale e gli amalfitani creavano “colonie virtuali”, che si amministravano con le leggi della madrepatria, nei principali centri dell’impero bizantino, degli emirati e dei califfati arabi, dell’ Italia meridionale.

Tratto da: http://www.capodannobizantino.it